MAGIA UNIVERSALIS NATURAE ET ARTIS
Gaspar Schott

8.000,00

Joh. Martini Schonwetteri, Bambergae (Bamberga, Germania), 1677

Opera in 3 volumi (risulta mancante il volume IV, dedicato alla Fisica) stampata a Bamberga in Germania nel 1677. L’opera è costituita da: Volume I, Optica, pp 538, con XXV (25) tavole incise; Volume II, Acustica, pp 432, con XXXI (31) tavole incise; Volume III, Mathematicus, pp 732, con XXI (21) tavole incise (cm 17×20 cm). Eleganti e pregevoli antiporte figurate, incise su rame. Seconda edizione (prima edizione tedesca, pubblicata nel 1672). Raccolta di esperimenti chimici e fisici, trucchi matematici e magici, alchimia, crittografia e altri argomenti curiosi. Include la descrizione di un organo ad acqua, illusioni ottiche, la trasformazione dell’acqua in vino, come fare la neve artificiale, la camera oscura, lampade a lunga durata e molto altro ancora. Molte tavole sono più volte ripiegate e mostrano vari aspetti fisici, ottici ed esperimenti chimici. Le pagine presentano alcune ossidazioni evidenti, dovute alla scarsa qualità della carta, alla sua composizione chimica e all’acidità degli inchiostri; si tratta di un difetto presente in tutte le edizioni tedesche di questo periodo. Legatura robusta coeva e ben salda in piena pergamena, con titoli oro ai dorsi, margini rifilati. Stato di conservazione ottimo.

Disponibile

Descrizione

Gaspar Schott fu gesuita e professore di matematica, studiò sotto la supervisione dello scienziato Athanasius Kircher presso l’università di Würzburg. E’ noto a livello scientifico per i suoi studi fisici sui principi della meccanica; perfeziona poi gli studi sulla matematica e l’astronomia di Giovanni Nepero. I suoi interessi scientifici vengono allora contaminati da una forte tendenza al misterico. Magia Universalis è un poderoso lavoro e testimonia gli studi approfonditi di Schott, in particolare sulla camera oscura seguendo le orme di Keplero, che gli permise di risolvere uno dei più importanti enigmi sull’ottica del tempo: il funzionamento dell’occhio, con l’immagine capovolta formata sulla retina.