IL PALAZZO DI SCAURO
Mazois

39,00

IL PALAZZO DI SCAURO o descrizione di una casa romana.

Paolo Emilio Giusti, 1825.

Frammento di un viaggio fatto a Roma sul finire della Repubblica da Meroviro principe di Svevia. Traduzione sulla seconda edizione francese di A. Sergent. Milano, Giusti, 1825. Legatura moderna in bella mezza pelle, con titoli oro al dorso e piatti cartonati marmorizzati (10×15 cm), pp 189. Esemplare in barbe completo delle 2 tavole illustrate ripiegate incise in rame raffiguranti la pianta del Palazzo di Scauro e il Palazzo di Pompeja, Case di Roma e Bagni, con esauriente spiegazione delle due tavole. Lorient Mazois (1783-1826), fu un architetto francese considerato il migliore allievo del Percier (suoi lavori sono a Roma e a Napoli, ma egli fu anche al servizio dei Bonaparte), utilizza nel volume l’artificio letterario della supposta lettura di frammenti del resoconto di Merovir, un principe barbaro fatto prigioniero da Cesare e condotto a Roma, per descrivere le bellezze del palazzo di Marco Scauro, situato alle pendici del Monte Celio. La descrizione della villa romana, in gran parte fantastica, rielabora liberamente le conoscenze acquisite dagli scavi archeologici pompeiani ma, malgrado la sua natura più letteraria che rigorosamente storica, conobbe largo successo in Francia come in vari paesi eurpoei. Una delle parti più notevoli del libro è la lunga descrizione dei giardini della villa sul Gianicolo, resi dal Mazois anacronisticamente secondo il gusto che improntava i giardini inglesi. Il Mazois aveva trascorso in Italia parecchi anni, prendendo parte ai lavori archeologici a Pompei; i risultati di tali studi confluirono, oltre che nel presente volume, ne Les Ruines de Pompei (1809-1827).

Disponibile

Categoria: Tag: , , ,