GLISTER
John Burnside

5,90

Fazi

Disponibile

Descrizione

L’Innertown è un desolato centro postindustriale, avvolto da una vegetazione fitta e malata. La città è cresciuta attorno allo stabilimento chimico e, ora che l’azienda ha chiuso i battenti, si è trasformata nell’ombra di se stessa. Laddove vivevano operai e persone comuni germogliano strane forme di vita. L’aria, le case, l’acqua: tutto è oscuro, intossicato. In questa terra vuota e spoglia l’ex complesso chimico torreggia, come un catalizzatore di luci e di ombre, tra i fusti contorti del bosco avvelenato; i ragazzi, la notte, vi si aggirano furtivi. Tra loro c’è Léonard, un quindicenne che alla solitudine e la desolazione del luogo e alle violenze della sua scatenata gang di amici oppone la fragile protezione della letteratura, da Proust a Conrad a Fitzgerald. E c’è Morrison, il solo poliziotto dell’Innertown, l’uomo che un giorno, in una caverna vegetale adorna come un altare, ha scoperto il corpo legato e straziato di un adolescente. Di fronte a quel corpo oltraggiato Morrison ha accettato d’insabbiare l’inchiesta, lasciando credere che il ragazzo fosse fuggito: e così gli altri fanciulli scomparsi dopo di lui, uno dopo l’altro, un anno dopo l’altro. Glister è molte cose insieme. È un’intelligente metafora sulla paralisi del mondo industrializzato, di un’umanità alienata dalla realtà delle cose, delle anime prosciugate e recise dall’indifferenza per il dolore altrui. Introduzione di Irvine Welsh.