È STATA UNA VERTIGINE
Maurizio Maggiani

5,90

Feltrinelli Editore

VENDUTO!

Descrizione

È stata una vertigine è una storia vorticosa che attraversa tutta una vita nel ricordo e alla ricerca dell’amore. È un amore sempre diverso, che cresce con il protagonista, che si posa sui genitori, sulla vita di campagna, sulle donne, sul figlio, sulla gatta, ed è un amore mai scontato, ricco di vita e di dignità, ma anche un amore che riflette su se stesso, sulla sua natura. Un amore raccontato attraverso le sensazioni, i luoghi, le passioni, la delusione e la tristezza che, in ogni episodio, lo hanno accompagnato. Quello di Maggiani è un viaggio nel tempo che per sfondo ha la storia d’Italia. I grandi fatti politici riverberano sull’amore delle persone, lo segnano, lo rendono con grazia qualcosa di intimamente legato all’epoca che lo ha cullato. Leggendo questo romanzo sembra che l’amori cambi, ma non per intensità, piuttosto per una sottile tendenza ad arricchirsi di quello che ha intorno, di abbracciare la vita quotidiana delle persone, di alternarsi allo sfondo. All’inizio sembra che il libro sia una raccolta di racconti, invece, procedendo nella lettura, si fa strada l’idea di una trama leggera che, con il capitolo “La buriana” diventa sempre più forte.

È stata una vertigine è capace di comunicare al lettore un senso di libertà, il desiderio di riflettere e, specialmente ne “La buriana”, l’idea che ogni aspetto della nostra vita sia lì, in attesa di ripresentarsi e di pretendere una giusta considerazione. E in questo racconto Maggiani misura i suoi ricordi e la sua fermezza con i giorni del G8 a Genova, giorni caldi e tristi, se pensiamo alla tragedia, giorni luminosi ed entusiasmanti, se pensiamo a quanta gente sia venuta nella nostra città per condividere un’idea di mondo. E il suo sguardo, come leggerete, è intenso e severo, ha quell’asprezza da apuano che, con il passare degli anni, diventa più intensa, ma ciò che racconta, proprio perché è un racconto d’amore, fa riflettere.